Close
Non ci sono articoli nel tuo carrello
Assistenza Clienti: 800 134 694 - Spedizione gratuita per ordini superiori ai 140,00 euro
Cerca
RSS

Blog

Come funziona il ghiaccio istantaneo?

 

Il ghiaccio istantaneo è un dispositivo medico molto utile e conosciuto, al punto da non dover mai mancare all’interno della cassetta del primo soccorso o comunque in qualsiasi kit di pronto intervento. Molto utilizzato in ambito sportivo, come primo rimedio alle contusioni, trova largo utilizzo in altre situazioni. Vediamo quindi di capire come davvero funziona, perché è così utile e dove poterlo comprare.

COSA E' IL GHIACCIO ISTANTANEO?

Con il termine ghiaccio istantaneo ci si riferisce generalmente a quella ben nota bustina monouso, realizzata il TNT oppure in PE, in grado di generare freddo in seguito alla semplice rottura di una bolla contenuta in essa, quindi di diventare in pochissimo tempo un ottimo rimedio antidolorifico e antinfiammatorio per uso esterno. Un dispositivo che quindi oltre ad essere molto pratico, consente di ottenere una rapida soluzione al problema dei traumi e delle contusioni.

Per comprendere come avviene questo fenomeno basta sapere che, anche in questo caso, la chimica entra in azione. Schiacciando infatti la busta in un punto particolare, generalmente al centro di essa, le due sostanze contenute, nitrato di ammonio e acqua, entrano così in contatto, verificandosi un assorbimento di calore dall’ambiente esterno e generando il ghiaccio istantaneo che perdura per circa 20’.

Si tratta ovviamente di un dispositivo molto noto a tutti, soprattutto a tutti coloro che hanno praticato dello sport a qualsiasi livello e quindi utilizzato una bustina di ghiaccio istantaneo in seguito a traumi muscolo-scheletrici, contusioni o distorsioni, in alternativa al ghiaccio spray.

I PRINCIPI DELLA CRIOTERAPIA

Per capire come davvero funziona il ghiaccio istantaneo basta imparare qualche piccolo principio alla base della cosiddetta crioterapia, la terapia del freddo. La crioterapia rappresenta in effetti un metodo molto efficace come terapia di primo intervento in caso di traumi, in ambito fisioterapico e nel caso di interventi odontoiatrici, per ridurre al minimo il gonfiore dopo l’intervento.

L’applicazione di freddo, causando una diminuzione dell’irrorazione sanguigna nella zona trattata, ha come effetto quello di diminuire l’edema post-operatorio e post-traumatico; oltre a questo, la diminuzione della temperatura riduce localmente il metabolismo tessutale, rallentando l’attività delle cellule illese dal trauma  e consentendo la conservazione della loro integrità durante il successivo a un danneggiamento del tessuto.

La conseguente riduzione della velocità di conduzione dello stimolo dolorifico, a livello dei nervi periferici, comporta anche un effetto analgesico e miorilassante.

QUANTO TEMPO IMPIEGA UNA BUSTA DI GHIACCIO ISTANTANEO A RAFFREDDARSI? 

Il termine “istantaneo” è proprio sinonimo del fatto che basta un attimo per generare del freddo; infatti la reazione tra acqua e nitrato di ammonio è praticamente velocissima nel generare freddo.

QUANTO DURA L'EFFETTO FREDDO?

Una volta attivata la reazione e quindi generato il freddo, una busta di ghiaccio istantaneo produce l’effetto freddo per circa 20-30 minuti; dopodiché, il suo effetto svanisce in maniera graduale nel giro di pochi secondi.

QUANDO UTLIZZARE DEL GHIACCIO ISTANTANEO?

Grazie ai suoi effetti antidolorifici, anti-edema e miorilassanti, il ghiaccio istantaneo è nello specifico indicato in caso di:

  •          Traumi muscolo-scheletrici
  •          Contusioni
  •          Distorsioni
  •          Lussazioni
  •          Stiramenti o strappi muscolari
  •          Ematomi
  •          Mal di denti
  •          Punture di insettI
  •          Contatto con piante urticanti
  •          Surriscaldamento corporeo localizzato e non

In generale dunque si presenta di utilità tutte le volte che è in corso un processo di tipo infiammatorio che genera dolore, gonfiore e surriscaldamento a livello cutaneo; come già citato, largo utilizzo si registra nelle fasi successive a interventi chirurgici di tipo ortopedico od odontoiatrico.

QUALE ACQUISTARE E DOVE COMPRARLO

Quando si decide di acquistare del ghiaccio istantaneo, generalmente sono due i fattori da tenere in considerazione, il formato della bustina ed il marchio del produttore. In commercio, esistono buste di ghiaccio istantaneo di diversa misura; ci sono infatti formati da 13 cm x 27 cm, buste da 15 cm x 18 cm, buste da 13 cm x 18 cm ecc...

La scelta relativa alla dimensione dipende, esclusivamente, dalle esigenze d'uso dell'utente. 
In genere, le buste più piccoline sono da preferirsi quando la zona di applicazione è, per esempio, il capo, il volto o le dita, mentre le buste più grandi sono ideali se la zona di applicazione è un'articolazione importante come ginocchio o caviglia.

IL PREZZO DEL GHIACCIO ISTANTANEO: QUANTO COSTA?

Il prezzo di una singola busta di ghiaccio istantaneo può andare da un minimo di 50 centesimi a un massimo di 1,70 euro; a incidere sul prezzo è generalmente la grandezza della bustina stessa, a volte il marchio. Generalmente, per ottenere un ulteriore sconto, vengono vendute in confezioni da 25 pezzi. Su Articoli Sanitari Shop potrete trovare una vasta gamma di ghiaccio istantaneo e spray delle migliori marche, a prezzi davvero interessanti;
per visualizzare l'intero catalogo dedicato, basta recarsi alla categoria ghiaccio istantaneo.

BUSTE GHIACCIO ISTANTANEO - PE 13 X 18 CM

GHIACCIO SPRAY IN BOMBOLA 400 ML

 

 

 

HISTOFREEZER : LA CRIOTERAPIA PRONTA ALL'USO

HISTOFREEZER® è il sistema portatile e pronto all'uso per crioterapia. Finalmente a disposizione di medici e dermatologi, un metodo facile, economico ed efficace per trattare fino a nove diversi tipi di lesioni cutanee, incluse le comuni verruche plantari e genitali. Scopriamone le caratteristiche, il funzionamento ed i vari formati in commercio.

COME UTILIZZARE HISTOFREEZER

Il dispositivo per crioterapia portatile HISTOFREEZER è stato concepito per offrire efficacia e facilità d'uso; bastano infatti 3 soli movimenti per offrire una cura valida ed efficacia al problema delle lesioni cutanee.

come-usare-histofreezer

INDICAZIONI CLINICHE, PRESTAZIONI E TEMPI DI TRATTAMENTO DI HISTOFREEZER

Più di 60.000 medici professionisti, nelle aree di cura primaria, di medicina interna, podologia, ginecologia e dermatologia, hanno ormai aggiunto Histofreezer come soluzione per i propri pazienti, sostituendo procedure più invasive e meno tollerate. Diversi studi dimostrano risultati di tutto rispetto e assolutamente confrontabili con le usuali pratiche crioterapiche a base di azoto liquido.

Dall'immagine risulta dunque evidente quanto questo sistema sia davvero una soluzione alla pratica di crioterapia e come risulti possibile una sua applicazione in ogni studio medico. Ora vediamo in quali casi è consigliato utilizzare questo dispositivo e quali sono all'incirca i tempi di trattamento di ciascuna tipologia.

  • Acrochordon (Skin Tag) 40 secondi
  • Cheratosi attinica (viso) 15 secondi
  • Cheratosi attinica (non facciale) 40 secondi
  • Condilomi Acuminati (condilomi genitali) 40 secondi
  • Lentigo (viso) 15 secondi
  • Lentigo (non facciale) 40 secondi 
  • Molluscum Contagiosum (MCV) 20 secondi
  • Cheratosi seborroica 40 secondi
  • Verruca Plana (Flat Warts) 20 secondi
  • Verruca Plantaris (verruche plantari) 40 secondi
  • Verruca Vulgaris (verruche comuni) 40 secondi

DOVE ACQUISTARE HISTOFREEZER®

Se sei interessato ad acquistare questo innovativo dispositivo per crioterapia ed offrire ai tuoi pazienti un rimedio efficace a diversi fastidiosi problemi legati alle verruche, sul nostro Shop troverai l'intera gamma di kit e cofanetti Histofreezer, ciascuno concepito per risolvere al meglio le esigenze di ogni tipologia di studio medico o ambulatorio.

Per scoprire tutte le soluzioni a tuo vantaggio, basta recarsi alla seguente categoria riservata alla CRIOTERAPIA.

STETOSCOPIO E FONENDOSCOPIO: C’E’ DIFFERENZA?

Lo stetoscopio ed il fonendoscopio rappresentano sicuramente i dispositivi medici più utilizzati per ottenere una valutazione dello stato generale di salute di un paziente; non a caso è ormai nell’immaginario collettivo la figura professionale del medico con indosso un tale dispositivo diagnostico.

All’apparenza molto simili tra loro, in realtà sono stati concepiti e tuttora vengono utilizzati per scopi diagnostici molto diversi tra loro; nonostante questa sostanziale differenza, è ormai di uso comune, anche in ambito medico, confondere i due termini al punto da utilizzarli come sinonimi.

In questo articolo cercheremo in via definitiva di spiegare la differenza tra stetoscopio e fonendoscopio, attraverso le loro caratteristiche di utilizzo, con uno sguardo al passato e alle loro origini.

STETOSCOPIO O FONENDOSCOPIO?

Partiamo col definire in maniera dettagliata a cosa serve uno stetoscopio ed un fonendoscopio. Lo stetoscopio è lo strumento diagnostico utilizzato per l’auscultazione del torace, il fonendoscopio viene invece utilizzato per l’auscultazione dei visceri in generale. Questa è quindi la sostanziale differenza tra i due strumenti, e se pensiamo in termini medici, in effetti sono stati concepiti proprio per un utilizzo in diversi ambiti di auscultazione diagnostica.

Una differenza che ovviamente è dettata dalle caratteristiche tecniche e materiali, ma soprattutto dalla forma e dalla realizzazione della testina. Quella dello stetoscopio è progettata per captare i suoni più acuti e più semplici da udire, quella del fonendoscopio è invece utilizzata per i suoni più cupi e più complessi da sentire.

ORIGINI DELLO STETOSCOPIO

Come la maggior parte delle invenzioni, anche lo stetoscopio nasce in seguito ad una esperienza diretta del suo inventore, come miglioramento del suo lavoro di medico. Nel 1816 in Francia, il dottor René-Théophile-Hyacinthe Laennec, per meglio ascoltare i battiti cardiaci di una paziente obesa, non riuscendo ad orecchio nudo come sempre praticato, pensò di arrotolare un quaderno e di utilizzarlo come una specie di cassa di risonanza. La migliorata percezione dei suoni con questo sistema portò a veri e propri studi sull’auscultazione diagnostica ed al perfezionamento del dispositivo.

Il primo vero stetoscopio era realizzato attraverso un cilindro di legno, alto un piede e con un foro del diametro di 2 mm. Successivamente, negli anni 40 Rappaport riuscì a realizzare un nuovo fonendoscopio, a doppia testina, in grado ascoltare i suoni ad alta frequenza dalla parte piatta della testina e quelli a bassa frequenza dalla cosiddetta parte a campana.

stetoscopio-origini-illustrazione

Illustrazione dei primi stetoscopi (fonte Wikipedia)

Di miglioramenti ne furono fatti tantissimi, fino alla sua versione odierna, la più ottimizzata ed affinata, dovuta dottore David Littmann, docente alla Harvard Medical School, in grado di renderlo più leggero rispetto agli altri modelli e con un'acustica migliorata, fino al 1970, quando introdusse la membrana fluttuante, in grado di udire diversi tipi di suoni semplicemente regolando il livello di pressione applicato alla testina.

Il motivo per cui oggi si tende a confondere i due strumenti è forse dovuto al fatto che i moderni dispositivi in commercio permettono di unire i due strumenti in un’unica soluzione, si parla infatti di stetofonendoscopio.

STETOFONENDOSCOPIO: MODELLI A CONFRONTO 

Esistono ormai stetofonendoscopi concepiti per qualsiasi specifica attività diagnostica, da quelli per utilizzo prettamente veterinario a quelli per particolari pratiche mediche, in generale comunque nelle due versioni base, lo stetoscopio auricolare e quello elettronico, capace di amplificare i suoni e dunque in grado di captare ogni piccolo sibilo. 

Sul nostro Shop potrete trovare una vasta gamma di stetoscopi delle migliori marche e comunque adatti alle più svariate esigenze medico sanitarie; tra tutti questi modelli, ovviamente non possiamo che consigliarvi la tecnologia e la qualità di auscultazione del fonendoscopio LITTMANN.

L'ECCELLENZA DI AUSCULTAZIONE DEL FONENDOSCOPIO LITTMANN

Rigorosi controlli di qualità, numerosi test e certificazioni, rendono il fonendoscopio littmann uno strumento di qualità elevata in grado di offrire un livello alto di prestazioni ed una diagnosi sempre più affinata ed accurata; proprio per tale motivo, milioni di medici, specialisti ed operatori sanitari lo hanno scelto per supportare al meglio, ogni giorno, il proprio lavoro.

Ogni modello della gamma Littmann risponde a particolari esigenze in campo medico e sanitario, per tale motivo potrete trovare molto utile la nostra guida alla scelta del fonendoscopio littmann.

Il prezzo di uno stetoscopio è molto variabile, da poche decine di euro fino anche a superare i 250 euro per le soluzioni più professionali; in ogni caso andrebbe scelto in base alle proprie esigenze professionali. Per meglio confrontare i tanti modelli disponibili sul mercato e quindi scegliere il miglio stetoscopio, abbaiamo creato una intera categoria riservata agli stetoscopi e fonendoscopi.

 

Stampelle canadesi o stampelle ascellari: quale scegliere?

 

stampelle-canadesi-ascellari-quali-scegliere

Le stampelle rappresentano l’ausilio di fondamentale importanza per le persone con difficoltà di deambulazione o per coloro che necessitano di un sostegno in seguito ad una operazione o ad un trauma. Può sembrare banale ma all’occorrenza bisogna scegliere il modello più adatto alla propria esigenza, anche perché in commercio esistono diverse tipologie stampelle.

Abbiamo quindi ben pensato di articolare una breve guida su quale stampella scegliere, elencando le caratteristiche ed il funzionamento, dando consigli sulla loro regolazione, soffermandoci sulle due tipologie più utilizzate, le stampelle canadesi e le stampelle ascellari.

LE DIFFERENZE TRA STAMPELLE CANADESI E STAMPELLE ASCELLARI 

Se ti trovi nella situazione di acquistare un paio di stampelle allora devi effettuare una scelta, in genere, tra due alternative:

  • Stampelle canadesi, dette anche stampelle antibrachiali, per la tipologia di appoggio del braccio. Rappresentano le classiche stampelle, le più utilizzate, quelle con l’appoggio del braccio nella parte posteriore e l’impugnatura con cui scaricare l’intero peso e far presa.
  • Stampelle ascellari, quelle meno utilizzate caratterizzate dal fatto che in tal caso il supporto al proprio corpo è dato dalla presenza di un appoggio da inserire sotto l’ascella e da una impugnatura, generalmente in spugna.

Entrambi i modelli sono ovviamente regolabili in altezza, per meglio adattarsi alla tipologia di utilizzatore, e dotate di un puntale in gomma, generalmente antiscivolo per offrire un ulteriore grado di sicurezza su superfici bagnate.

In linea di massima non esiste un criterio valido su cui basarsi per una eventuale scelta, nel senso che entrambi i modelli riescono a facilitare o risolvere lo stesso problema allo stesso modo, facilitare la deambulazione nei soggetti che presentano un qualche deficit agli arti inferiori.

Una piccola differenza potrebbe essere rappresentata dal fatto che la canadese richiede una forza maggiore da parte delle braccia per la deambulazione, in quanto tutto il peso del corpo grava su di esse; al contrario nelle sottoascellari il peso è sostenuto dall’appoggio sotto il braccio. 

COME REGOLARE LE STAMPELLE

La prima cosa da effettuare è di sicuro una giusta regolazione della stampella, anche perché un settaggio errato potrebbe comprometterne la validità di utilizzo dell’ausilio. Nella stampella di tipo classico bisogna soltanto regolarne l’altezza; per farlo al meglio basta eseguire questi piccoli passaggi:

  • Mettersi accanto alla stampella
  • Assicurarsi che l’impugnatura sia all’altezza della testa del femore
  • Verificare che il braccio formi un angolo di circa 15° con l’impugnatura

Anche nelle stampelle sottoascellari l’unica cosa da regolare è l’altezza dell’impugnatura; in tal caso la stampella dovrebbe arrivare ad un massimo di 2 cm sotto l’altezza delle ascelle, e anche in questo caso, l’impugnatura deve trovarsi all’altezza della testa del femore.

Ovviamente una corretta regolazione andrebbe in ogni caso verificata dal proprio fisioterapista e comunque soggetta alla particolare situazione.

COMPRARE STAMPELLE ONLINE: PREZZO E CONVENIENZA 

Diverse sono le proposte ed i marchi disponibili in commercio, come diversi sono i prezzi di acquisto. E’ possibile acquistare un paio di stampelle in una qualsiasi ortopedia o farmacia, ma ti consigliamo di dare uno sguardo alla categoria che abbiamo riservato appositamente alle stampelle, per rendersi conto della reale convenienza di acquistare stampelle online; a parte il prezzo, ampia sarà la scelta su cui poter basare il proprio acquisto.

Vogliamo comunque consigliarvi due dei nostri articoli più venduti.

Un prodotto di punta, sicuramente la stampella più venduta ed apprezzata. Realizzata dal noto marchio Mopedia dell’azienda Moretti, in leggera lega di alluminio, si presenta anche come disponibile in diverse colorazioni per meglio adattarsi alla tipologia di utilizzatore. Sul nostro Shop puoi acquistarla ad una prezzo speciale.

L’altro modello disponibile, ancora presentata dal marchio MOPEDIA, rappresenta l’alternativa dei clienti al classico modello canadese. Realizzata in alluminio anodizzato, presenta una comoda impugnatura di forma anatomica.

RUGHE VISO? UN RIMEDIO EFFICACE DALLA RADIOFREQUENZA

Un viso fresco e giovane, privo di rughe? Il sogno di tutte le donne, ed anche di noi uomini. Oggi è più facile averlo grazie alla radiofrequenza estetica.

radiofrequenza-viso

RADIOFREQUENZA VISO

La radiofrequenza viso rappresenta un moderno ed ormai consolidato rimedio, efficace, indolore e non invasivo, contro rughe viso, contorno occhi e segni del tempo.

Si tratta di un trattamento estetico, di tipo medico ma non chirurgico, in grado di restituire tonicità ed elasticità alla pelle attraverso l'utilizzo di particolari manipoli, per mezzo di onde radio capaci di stimolare la produzione di collagene e di elastina, attraverso il calore e l'energia veicolati sulla zona da trattare.

Diverse sono le tipologie e le metodiche disponibili, tra cui la radiofrequenza medica

PERCHE’ VENGONO LE RUGHE? 

Le rughe o note zampe di gallina non sono altro che una naturale alterazione della cute dovuta ad una alterazione strutturale delle fibre elastiche. Si tratta quindi di un fenomeno del tutto spontaneo dovuto quindi al rilassamento della pelle con l’avanzare dell’età, a partire più o meno dai trent’anni in su. Come tutti gli inestetismi della pelle, trovano maggior riscontro in soggetti fumatori, in seguito ad uno stile di vita sregolato e in genere il coloro molto esposti ai raggi del sole.

LA RADIOFREQUENZA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELLE RUGHE 

Abbiamo già visto come la radiofrequenza medicale viso rappresenti un ottimo alleato nel combattere in generale gli inestetismi della pelle del viso; in particolare però, il suo utilizzo risulta molto utilizzato e di sicura efficacia contro le rughe ed il contorno occhi.

RADIOFREQUENZA VISO QUANTE SEDUTE 

Gli effetti della radiofrequenza sono immediati e visibili sin dalla prima seduta, soprattutto se la zona trattata non risulta molto estesa. Generalmente le sedute variano dai 15 ai 60 minuti e dopo un certo numero di applicazioni, gli effetti risultano davvero evidenti.

I risultati sono quindi sorprendenti ma non permanenti, soprattutto per pelli molto rovinate. Su un'epidermide giovane, ancora tonica ed elastica, gli effetti di una radiofrequenza estetica viso potrebbero durare anche alcuni anni; per questo motivo diffidate da coloro che promettono miracoli.

LA RADIOFREQUENZA VISO FACILE E VELOCE, A CASA TUA! 

Trattandosi di un trattamento medico-estetico la radiofrequenza viso può ovviamente essere effettuata in qualsiasi centro estetico dotato di apparecchiatura per radiofrequenza e ovviamente di personale altamente qualificato al trattamento. In alternativa alle diverse sedute da sottoporsi nei centri, i continui studi sulle tecnologie ad uso estetico hanno portato alla realizzazione di sofisticati apparecchi per radiofrequenza, che permettono di ottenere risultati sorprendenti, comodamente seduti sul divano di casa.

APPARECCHIO RADIOFREQUENZA, QUALE SCEGLIERE? 

Diverse sono ormai le soluzioni presenti sul mercato, attraverso cui ottenere a casa propria gli effetti dei trattamenti di un centro estetico, ad un costo minore. Se parliamo di radiofrequenza estetica e cerchiamo un dispositivo per il trattamento domiciliare, facile da utilizzare, sicuro e con la potenza di un macchinario professionale, non possiamo che riconoscere la validità di GLOBUS RF BEAUTY MINI.

apparecchio-per-radiofrequenza-globus-rf-beauty-mini

 

Termometri a distanza: validi come un termometro a mercurio?

Termometri a distanza: dai pediatri finalmente una conferma!

Risultati immagini per pediatra bambino

Nel 2009, una direttiva europea imponeva il divieto di vendita dei tradizionali termometri a mercurio. Da questo momento, intere famiglie ed operatori sanitari si sono trovati ad dover scegliere una valido strumento per misurare la febbre, in sostituzione del vecchio termometro.

Nel giro di pochi anni, diverse sono state le tecnologie e le proposte avanzate dalle aziende produttrici di dispositivi medici, dai termometri al gallio (i diretti sostituti di quelli al mercurio), a quelli digitali e successivamente a quelli auricolari. Questa così vasta scelta ha portato però un pò di caos e nessuno tra questi sembra aver convinto gli utilizzatori, a causa soprattutto dei dubbi sulla precisione della misurazione.

L'ultima proposta del mercato, una idea tutta italiana, è quella dei termometri ad infrarossi anche detti termometri a distanza, che misurano la temperatura corporea a distanza semplicemente elaborando gli infrarossi che il corpo umano genera naturalmente, senza quindi necessità di contatto fisico. Il lancio di questa nuova tecnologia sembrava però non convincere, dato che si presentavano problemi legati alla giusta distanza a cui puntare il termometro; problema oggi risolto grazie all'installazione di dispositivi di controllo della distanza, mediante i quali lo stesso termometro suggerisce la giusta distanza cui misurare la febbre

La possibilità di ottenere una precisa misurazione a distanza, senza contatto fisico, rendono questo prodotto ideale per misurare la febbre al bambino, anche mentre dorme, senza svegliarlo.

Per tale motivo, abbiamo deciso di svolgere una nostra indagine interna, intervistando diversi pediatri nostri affezionati clienti, dando loro la possibilità di utilizzare per diverse settimane i nostri prodotti durante il loro lavoro quotidiano, per valutarne pregi e difetti.

Nel complesso, la valutazione sembra essere molto positiva, tutti d'accordo su due pregi nell'utilizzare un termometro ad infrarossi:

- VELOCITA' DI UTILIZZO: Soprattutto quando devi misurare la febbre ad un bambino, già nervoso o magari che dorme, la velocità ed in fatto di non creare contatto con esso è di sicuro un punto a favore di questa tecnologia.

- PRECISIONE: Messo a confronto con i vecchi termometri a mercurio, il termometro a distanza, soprattutto la nuova generazione con dispositivo di controllo di distanza, è l'unico strumento capace di registrare una misurazione corretta della temperatura corporea.


I NOSTRI CONSIGLI

Data la validità dello strumento, ArticoliSanitariShop ha deciso di dedicare una intera categoria ai termometri a distanza. Diverse sono le proposte, tutte molto valide ed in linea con diverse possibilità di spesa.

Tra i tanti modelli disponibili, vi presentiamo quello più venduto e sicuramente il più apprezzato dai nostri cliente, grazie anche ad una tecnologia di ultima generazione : il termometro TERMOMETRO VISIOFOCUS®

 

 

 

 

Cuscino Antidecubito - Guida alla Scelta

Cuscino Antidecubito : come scegliere il più adatto.

Gli ausili destinati alla prevenzione delle piaghe da decubito sono i cosìdetti cuscini e materassi antidecubito.

Il materasso assume una funzione prettamente antidecubito; il cuscino invece, oltre a prevenire la formazione delle piaghe, rappresenta l’accessorio fondamentale per chi è costretto a vivere su una sedia a rotelle o a trascorrere parte del proprio tempo seduti.

L’utilizzo di un cuscino consente di :

- Mantenere una corretta postura
- Distribuire uniformemente il peso corporeo, riducendo la pressione su alcune zone di seduta
- Attutire eventuali disconnessioni del terreno in caso di utilizzo esterno della carrozzina
- Offrire maggior confort

Per tali motivi, l’acquisto di una carrozzina dovrebbe essere sempre seguito dalla scelta di un buon cuscino antidecubito.

Le caratteristiche di un buon cuscino antidecubito

Chiariamo che il cuscino antidecubito è un ausilio prettamente personale, nel senso che i criteri che sono alla base della scelta dipendono da diversi fattori, legati alla conformazione fisica del soggetto e allo stadio di trattamento delle piaghe da decubito. Infatti la scelta deve tener conto dei seguenti fattori :

- Peso della persona
I soggetti poco pesanti, soprattutto magri, dovrebbero acquistare un cuscino alto, in modo da evitare il contatto delle zone sporgenti ischiatiche con la seduta della carrozzina. I soggetti che presentano invece un elevato peso corporeo, necessitano di cuscini con elevata densità, evitando i modelli in gommapiuma che potrebbero comprimersi sotto il peso del corpo.

- Tempo di Seduta
Nel caso di soggetti seduti per lunghi periodi della giornata, sono assolutamente consigliati i modelli con alto potenziale antidecubito, come i cuscini in gel o ad aria.

- Problemi di incontinenza
Nel caso l’utilizzatore soffra di problemi di incontinenza, sarà necessario orientare la scelta verso cuscini con fodere impermeabili.

- Postura
Nei casi in cui si presentano problemi di postura, per esempio dovuti ad amputazioni o scoliosi, il cuscino deve necessariamente distribuire uniformemente il peso su di esso.

Modelli di Cuscino Antidecubito

Cuscino Antidecubito ad Acqua

Impermeabili, ideali per pazienti con problemi di incontinenza o particolarmente sensibili al caldo, assumono la temperatura esterna offrendo una sensazione di fresco.

Cuscino Antidecubito ad Aria

Vengono gonfiati mediante una piccola pompa. Adatti a persone che necessitano di un ausilio molto leggero e soggetto a spostamenti continui.

Cuscino Antidecubito in Fibra Cava

Rappresentano la tipologia di cuscini per piaghe da decubito più venduti. Molto economici rispetto agli altri, sono costituiti da morbida fibra cava che permette un’ottima aerazione della cute.Molto leggeri e facilmente lavabili. 

Cuscino Antidecubito in Gel

Contengono gel siliconato all’interno di una apposita sacca. Offrono molta stabilità di seduta e bassa sensibilità alle variazioni di temperatura ambientale. Adatti a persone che richiedono un cuscino stabile e presentano poca sensibilità nella zona di contatto.

Ora che hai consultato tutte le informazioni necessarie, puoi scegliere il modello più adatto alle tue esigenze.

Accedi alla categoria dedicata ai Cuscino Antidecubito.